31 marzo 2017

"La notte nell'isola"

Da Pablo Neruda,
poeta cileno
(1904-1972),
una delle tante romantiche 
e profonde poesie
che amo.

 

Tutta la notte ho dormito con te
vicino al mare nell'isola
eri selvaggia e dolce
tra il piacere e il sonno
tra il fuoco e l'acqua
Forse assai tardi 

i nostri sogni
si unirono nell'alto 

o nel profondo
In alto come i rami 

che muove
uno stesso vento
in basso come rosse radici
che si toccano.
Forse il tuo sogno
si separò dal mio
e per il mare oscuro
mi cercava come prima
come quando non esistevi
quando senza scorgerti
navigai al tuo fianco
e i tuoi cercavano 

ciò che ora
pane, vino, amore e collera
ti do a mani piene.
Perché tu sei la coppa che
attendeva i doni 

della mia vita.
Ho dormito con te tutta la notte
mentre l'oscura terra gira
con vivi e con morti
e svegliandomi d'improvviso
in mezzo all'ombra
il mio braccio circondava
la tua cintura
nè la notte
nè il sonno
poterono separarci.
Ho dormito con te
e svegliandomi la tua bocca
uscita dal sonno
mi diede il sapore di terra
d'acqua marina
di alghe
del fondo della tua vita
e ricevetti il tuo bacio
bagnato dall'aurora
come se mi giungesse
dal mare che ci circonda.
  



29 marzo 2017

Gli Amish: una comunità d’altri tempi



Le nostre giornate sono scandite 
da consuetudini, 
impegni, progetti, comodità,
 ma anche affanni e problematiche, 
tipici della nostra era 
e della nostra cultura. 

E forse non ci rendiamo conto 
che la vita di molti altri popoli, 
o tribù, 
sia diversa da quella 
che noi viviamo. 
Per scelta o per dovere. 
Al meglio o in modo peggiore. 
Dipende dai punti di vista. 
Non è detto che la nostra 
posizione sia la migliore. 

Prendiamo, per esempio, 
gli Amish. 
Oltre a sembrare 
fuori luogo e fuori tempo, 
e di una rigidità 
fuori dal comune,
 Ã¨ molto interessante 
conoscere la loro vita.




Da: it.wikipedia.org/wiki/Amish

…”Gli Amish vestono fuori dal tempo. Gli uomini portano il cappello e vesti scure, dal taglio semplice, prive di cerniere lampo e in parte anche di bottoni. I calzoni hanno fondo largo e orlo alto, per motivi di praticità e per motivi di modestia. 
A partire da quando si sposano portano la barba, come chiede la Bibbia ma non i baffi, che associano con la vita militare e i suoi disvalori di violenza.
Le donne hanno abiti privi di ornamenti e dalle maniche lunghe, con grembiuli e cuffiette che coprono i capelli, che non tagliano mai. Se sono nubili hanno cuffie  nere, se sposate cuffie bianche. 
La gonna del vestito è lunga a metà gamba per essere modesta e pratica al tempo stesso. Il vestiario non è un vezzo, ma il segno tangibile dell'appartenenza alla comunità e alle sue regole, non dissimile dall'abito di una suora od un frate.
Nessuna donna porta gioielli. In generale nessun Amish porta oggetti vanitosi e superflui. 
Lo stile è quello di un tardo 1800 semplificato e votato ai molti lavori pratici che svolgono: privi di ausili elettrici, infatti, ogni incombenza viene svolta con un duro lavoro manuale, alleviato dall'aiuto che la comunità è sempre pronta a dare a chiunque ne necessiti.”…