31 marzo 2022

Tāj Mahal


Il Tāj Mahal Ã¨ un mausoleo nella città di Agra, in India, considerato uno delle più notevoli bellezze dell'architettura.
Appartenente alle Sette Meraviglie del Mondo Moderno, il Tāj Mahal Ã¨ inserito nel Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, nel 1983. 

Oltre la bellezza e l'imponenza, è la storia che lo accompagna ad affascinare; il lato romantico di chi e perché volle tanta maestosità. 


Fu costruito in ricordo di una donna, a testimonianza di un grande amore da Shāh Jahān, imperatore in India dal 1628 al 1658, appartenente alla stirpe islamica dei Moghul. 

Amava una vita di piaceri e agi e molte furono le spedizioni per il desiderio di conquista e altrettanti furono gli edifici imponenti e sfarzosi, dai costi incalcolabili, lasciati a testimonianza della sua ricchezza.

La costruzione del Tāj Mahal, letteralmente “Palazzo della Corona”, e capolavoro senza eguali, ebbe inizio nel 1632, come mausoleo in memoria della moglie Mumtāz Maḥal (nata Arjumand BānÅ« Bēgum), in seguito alla sua morte dopo aver dato alla luce una bambina, mentre seguiva il marito in una campagna militare nel sud dell’India. 


Mumtāz Maḥal, "Gioiello del Palazzo", in persiano, fu la favorita nella corte, tra diverse mogli, concubine e danzatrici.

I lavori per il  Tāj Mahal continuarono senza interruzione per circa ventidue anni e richiesero oltre 20.000 
lavoratori provenienti dall’India, dalla Persia, dall’Europa e dall’Impero ottomano, insieme a oltre 1.000 elefanti. In base alle ipotesi più accreditate, il Taj Mahal fu ideato e progettato da Ustad Ahmad Lahori, architetto persiano, ingaggiato dall’imperatore Shah Jahan per la progettazione di altri importanti costruzioni.

Sorge all’interno di un grande giardino a pianta quadrata, forma preferita dall’architettura islamica e simbolo della perfezione divina, con il quale venne concepito e poi realizzato ogni elemento architettonico; spiccano, infatti,  l’estrema simmetria ed il rigore geometrico.

La commissione di diverse maestranze ed artisti persiani, indiani e pakistani ha fatto in modo che lo stile indiano e persiano (rispettivamente le nazionalità dell’Imperatore e di sua moglie) si fondessero in uno stile davvero singolare.

I candidi toni dei marmi utilizzati ricordano il colore bianco, legato al lutto e, grazie alle inclusioni scintillanti della pietra, l’intero edificio cambia cromia nelle diverse ore del giorno, passando dal beige al rosa. E poi il tufo rosso,  pietre rare quali la giada e il cristallo ma anche il turchese, i lapislazzuli, il crisolito nonché le conchiglie, il corallo e la madreperla.


All’interno del  Tāj Mahal si può vedere il cenotafio di Mumtāz Maḥal, al centro esatto della struttura ma la vera tomba (dove dopo venne deposto anche l’imperatore) si trova in una cripta nella parte sottostante non visitabile dal pubblico. 


Quando la tomba venne terminata l’imperatore adagiò sul feretro della moglie i diamanti più preziosi del suo tesoro e fece stendere sul sarcofago un mantello di perle. Il sepolcro fu poi circondato da una balaustra d’oro e i pavimenti dell’intera stanza furono ricoperti da pregiatissimi tappeti di fattura persiana e moghul. Centinaia di candelabri d’argento e altrettante lampade d’oro furono appesi alle pareti e la porta d’ingresso fu arricchita di un cancello d’argento massiccio.

I mosaici di pietre preziose che ricoprono i due sepolcri sono considerati tra i più belli del mondo e la vivacità dei colori degli stessi contrasta con la sobrietà dei disegni calligrafici delle pareti superiori.


Di tutti questi tesori, depredati durante le razzie che accompagnarono la fine dell’era moghul, rimane, purtroppo, molto poco. 

Inoltre, da diversi anni sono necessari continui restauri e pulizia poiché, per l'effetto dell'inquinamento a causa delle polveri sottili, il marmo sta ingiallendo.




29 marzo 2022

"Tra le tue braccia" di Alda Merini



Tra le tue braccia
C’è un posto nel mondo
dove il cuore batte forte,
dove rimani senza fiato,
per quanta emozione provi,
dove il tempo si ferma
e non hai più l’età;
quel posto è tra le tue braccia
in cui non invecchia il cuore,
mentre la mente 
non smette mai di sognare…
Da lì fuggir non potrò
poiché la fantasia d’incanto
risente il nostro calore e no…
non permetterò mai
ch’io possa rinunciar a chi
d’amor mi sa far volar.



25 marzo 2022

L' Ave Maria


Il testo originale latino è il seguente:


Ave Maria, gratia plena,
Dominus tecum,
benedicta tu in mulieribus,
et benedictus fructus ventris tui, Iesus.
Sancta Maria, mater Dei,
ora pro nobis peccatoribus, nunc et in hora mortis nostrae.
Amen.


IngleseAve Maria:
Hail Mary, full of grace,
the Lord is with thee.
Blessed art thou among women,
and blessed is the fruit of thy womb, Jesus.
Holy Mary, Mother of God,
pray for us sinners,
now and at the hour of our death.


FranceseAve Maria:
Je vous salue, Marie pleine de grâces,
le Seigneur est avec vous.
Vous êtes bénie entre toutes les femmes
et Jésus, le fruit de vos entrailles, est béni.
Sainte Marie, Mère de Dieu,
priez pour nous pauvres pécheurs,
maintenant et à l'heure de notre mort. Amen.


SpagnoloAve Maria:
Dios te salve, María, llena eres de gracia,
el Señor es contigo.
Bendita tú eres entre todas las mujeres,
y bendito es el fruto de tu vientre, Jesús.
Santa María, Madre de Dios,
ruega por nosotros pecadores,
ahora y en la hora de nuestra muerte. Amén.


Tedesco – Ave Maria:
Gegrüßet seist du, Maria, voll der Gnade,
der Herr ist mit dir.
Du bist gebenedeit unter den Frauen,
und gebenedeit ist die Frucht deines Leibes, Jesus.
Heilige Maria, Mutter Gottes,
bitte für uns Sünder
jetzt und in der Stunde unseres Todes. Amen.




21 marzo 2022

"Teste fiorite" di Gianni Rodari


Se invece dei capelli sulla testa
ci spuntassero i fiori, sai che festa?
Si potrebbe capire a prima vista
chi ha il cuore buono, 
chi la menta trista.
Il tale ha in fronte
 un bel ciuffo di rose:
non può certo pensare 
a brutte cose.
Quest’altro, poveraccio, 
è d’umor nero:
gli crescono le viole del pensiero.
E quello con le ortiche spettinate?
Deve avere le idee disordinate,
e invano ogni mattina
spreca un vasetto o due di brillantina.



19 marzo 2022

I papà...


Ci sono uomini con figli che "faccio tardi che ho calcetto" e ci sono papà che "spero di tornare presto".

Ci sono uomini con figli che "stasera c’è la partita in TV" e ci sono papà che "chi vuole vedere un cartone con me?".

Ci sono uomini con figli che "finalmente il weekend e posso riposarmi" e ci sono papà che "finalmente il weekend e possiamo stare insieme". 

Ci sono uomini con figli che basta un cognome per sentirsi padri, e poi ci sono i papà che si prendono cura dei propri figli anche se hanno un cognome diverso.

Ci sono uomini con figli che "e ma io porto i soldi a casa" e poi ci sono i papà che tutte le mattine prima di andare a lavoro è una pugnalata al cuore.

Il mondo si divide tra quegli uomini che si limitano a mettere due spermatozoi e i papà che scelgono di far parte della vita dei propri figli.


dal web 



17 marzo 2022

Tutto ti appartiene


Perché amore mio
hai preso tutto di me.
Non mi rimane nulla
tutto ti appartiene.
Amore
e ancora amore.
E volo leggera
ma in balia di te.
Legata a un filo
che mai
dovrai spezzare.
Se accadesse
sarebbe tuo
anche l’ultimo respiro.

🔗




14 marzo 2022

"Donne al quadrato" di Antonia Storace


Ci sono le donne….
e poi ci sono le donne donne.
E quelle non devi provare a capirle,
sarebbe una battaglia persa in partenza.
Le devi prendere e basta.
Devi prenderle e baciarle,
e non dare loro il tempo di pensare.
Devi spezzare via,
con un abbraccio che toglie il fiato,
quelle paure che ti sapranno confidare
una volta soltanto,
a bassa bassissima voce.
Perché si vergognano delle proprie debolezze 
e, dopo avertele raccontate, si tormenteranno
in un agonia lenta e silenziosa
al pensiero che scoprendo il fianco 
e mostrandosi umane e facili e bisognose 
per un piccolo fottutissimo attimo,
vedranno le tue spalle voltarsi ed i tuoi passi allontanarsi.
Perciò prendile e amale.
Amale vestite, e senza trucco
che a spogliarsi sono brave tutte.
Amale indifese e senza trucco,
perché non sai quanto gli occhi
di una donna possono trovare scudo
dietro un velo di mascara.
Amale addormentate, un po’ ammaccate
quando il sonno le stropiccia.
Amale sapendo che non ne hanno bisogno,
sanno bastare a se stesse.
Ma appunto per questo,
sapranno amare te come
nessuna prima di loro.



11 marzo 2022

San Michele Arcangelo

San Michele Arcangelo 
di Guido Reni

Olio su seta
1635 -1636
Chiesa di Santa Maria Immacolata 
(o Chiesa di Santa Maria
della Concezione 
dei Cappuccini)
Via Vittorio Veneto
Roma



Preghiera a San Michele Arcangelo

San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia;  contro le malvagità e le insidie del demonio sii nostro aiuto.
Ti preghiamo supplici che il Signore lo comandi! E tu, Principe delle milizie celesti, con la potenza che ti viene da Dio ricaccia nell’inferno Satana e gli altri spiriti maligni che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime.
Amen

La amo molto questa preghiera.
Preghiera che ha un suo perché ma non capisco perché ne abbiano soppresso la recita dopo ogni messa.

Nasce così il suo perché:

Papa Leone XIII, il 13 ottobre 1884, ebbe una visione dove il maligno minacciava la Chiesa (... e forse il mondo intero!)
Il papa restandone molto turbato compose la preghiera (in forma estesa), raccomandando che fosse recitata al termine di ogni messa, oltre che inserirla nella raccolta degli esorcismi.

Già dal 1859 erano in uso, in quello che fu lo Stato Pontificio, le preghiere istituite da papa Pio IX, da recitare dopo la Messa, incluse tre Ave Maria e il Salve Regina.
Dal gennaio 1884, papa Leone XIII ordinò la recita in tutto il mondo di queste preghiere, note come "Preci leonine" .
Le Preci comprendono tre Ave Maria, un Salve Regina seguito da un versetto e un responsorio, e una colletta che, dal 1886, viene chiesta la conversione dei peccatori e “la libertà e l’esaltazione della Santa Madre Chiesa” e, dal 1886 in poi, venne inserita anche la Preghiera a San Michele.
Nel 1904, papa Pio X aggiunse tre "Cuore santissimo di Gesù. Abbi pietà di noi", da recitare facoltativamente.

Vennero recitate fino al 1964, quando, con la riforma liturgica nata in seno al Concilio Vaticano II, le preghiere leoniane vennero soppresse.

Alcuni vescovi, cardinali ed associazioni cattoliche nel mondo avevano chiesto ai papi Giovanni Paolo II e a Benedetto XVI la reintroduzione della preghiera a San Michele alla fine di ogni messa, concordi che l'abolizione di essa fosse stata cosa non opportuna, riconoscendone il valore spirituale per allontanare le opere del maligno dalla Chiesa e dall'umanità intera.

Successivamente, nell'ottobre 2018, papa Francesco chiese ai fedeli di tutto il mondo di recitare quotidianamente il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria, unitamente al digiuno e alla penitenza  per la protezione della Chiesa da Satana, il "Grande Accusatore", concludendolo con l'antica preghiera "Sub Tuum Praesidium" dedicata alla Vergine e con la preghiera a San Michele Arcangelo.

Non la reintroduzione in forma ufficiale, quindi,  ma solo facoltativa. 
Perché mai, non in forma ufficiale?




9 marzo 2022

In cielo... le nuvole


Foto di qualche anno fa
che voglio condividere...

 Ascoli Piceno
11 agosto 2017
Ore 20.30


 

8 marzo 2022

"Statemi a sentire: non rimpicciolitevi" di Antonia Storace


Statemi a sentire: non rimpicciolitevi. 
Non fatevi matrioske. 
Piccole, sempre più piccole, ogni volta più chiuse, stipate in fondo, tenute per ultime. 
Non lasciate che vi mettano in attesa sopra un davanzale, dietro il vetro smerigliato di una boccia acquatica. Siete donne, non siete pesci rossi. Credetemi, so quello che dico. Io sono stata davanzale, matrioska e pesce rosso. 
Piccola. Sempre più piccola. Ogni volta più chiusa. 
Stipata in fondo. Tenuta per ultima. 
Lo sono stata, sì, posso garantirvi che fa schifo, ed è uno schifo senza eccezioni, che non genera ravvedimenti e non produce ricompense, non innesca alcun effetto, se non quello di abituare gli altri a pensarvi ridimensionabili sul serio.

Vi diranno che non è così. 
Voi ringhiate.
Vi diranno che non volevano. 
Voi ringhiate.
Vi diranno che non potevano. 
Voi ringhiate.
Vi diranno che avete capito male. 
Voi ringhiate.
Mentono. Avete capito benissimo.
Vi diranno che vi augurano il meglio. 
Voi ringhiate.
Chi vuole il meglio per te, si impegna ad essere il meglio per te.
Vi diranno che non saprete restare indifferenti. 
Voi gioite.
Il silenzio dell’indifferenza serve a loro, non a voi. Voi ringhiate.

I giusti hanno una vita sola. 
Tutti gli altri ne hanno due.

Non abbiate timore. Azzannate, se c’è da azzannare. Sottraetevi, sgusciate, quando provano a manipolarvi. 
Sbeffeggiateli tutte le volte in cui tenteranno di
alterare a loro vantaggio la versione dei fatti. 
Restituite al mittente, rispedite indietro, accettate di pagare solo in contrassegno.
E poi baciate, tornate a baciare. 
E baciate labbra gentili, per favore. 
Fatevi accarezzare da mani coerenti. 
Chi disse che il contrario dell’amore non è l’odio, ma la paura, disse il vero. 
Ricordatevi che avete un corpo: usatelo. 
Lasciate che balli, che sudi, che tremi, che goda e faccia godere.
Una notte, due notti, molte notti. 
E poi di nuovo al mattino, da capo. Urlate. 
Sentite il piacere. Permettete che penetri, che vi stordisca, che suoni con voi congenite armonie.
Come un pianoforte contro una parete rossa; come la corda di una chitarra classica adagiata su un divano color crema. 
La pelle è l’organo più sincero che avete.

Restate dritte con la schiena. Se vi sentite tristi, alzatevi in piedi e scuotetevi, scuotete le gambe, agitate in aria le braccia. Muovetevi. Scrollate. Lasciate che i pesi che portate sul cuore cadano a terra e lì rimangano. 
Ridete, ridete apertamente, ridete sguaiatamente, se necessario. Mostrate i denti, non copritevi la bocca con le dita come ho fatto io per troppo tempo. 
Siate rumorose, siate fastidiose. 
Se volete essere libere, liberatevi e state allerta: la libertà nutre i miracoli, e i miracoli hanno occhi bellissimi. Occhi pieni di mare.
Fidatevi. A me è successo.




6 marzo 2022

Un fiore di campo


Trovai un fiore di campo, ammirai la bellezza e la perfezione di tutte le sue parti, ed esclamai: "Ma tutta questa magnificenza, in questo fiore e in migliaia di fiori simili, splende e fiorisce non contemplata da alcuno, anzi spesso nessun occhio la vede". 

Il fiore rispose: "Stolto! tu credi che io fiorisca per essere visto? Io fiorisco per me e non per gli altri, fiorisco perché questo mi piace: nel fatto che fiorisco e sono, consiste appunto la mia gioia e la mia voluttà".

Arthur Schopenhauer



5 marzo 2022

"Dobbiamo cambiare" è il monito di Tiziano Terzani


 

Guardiamoci allo specchio. Non ci sono dubbi che nel corso degli ultimi millenni abbiamo fatto enormi progressi. Siamo riusciti a volare come gli uccelli, a nuotare sott’acqua come i pesci, andiamo sulla luna, mandiamo sonde fin su Marte. Ora siamo perfino capaci di clonare la vita. 

Eppure, con tutto questo progresso non siamo in pace né con noi stessi né col mondo attorno. Abbiamo appestato la terra, dissacrato fiumi e laghi, tagliato intere foreste e resa infernale la vita degli animali, tranne quella di quei pochi che chiamiamo “amici” e che coccoliamo finché soddisfano la nostra necessità di un surrogato di compagnia umana (…). 

Il grande progresso materiale non è andato di pari passo col nostro progresso spirituale. Anzi: forse da questo punto di vista l’uomo non è mai stato tanto povero da quando è diventato così ricco. 

Dobbiamo cambiare atteggiamento. Cominciamo a prendere le decisioni che ci riguardano e che riguardano gli altri sulla base di più moralità e meno egoismi, meno interessi. 

Facciamo più quello che è giusto, invece di quel che ci conviene. È il momento d’impegnarci per i valori in cui si crede. Una civiltà si rafforza con la sua determinazione morale molto più che con nuove armi (…).

Dobbiamo cambiare noi.
Innanzitutto non facendo più finta che tutto è come prima, che possiamo continuare a vivere vigliaccamente una vita normale.
Con quel che sta succedendo nel mondo la nostra vita non può, non deve, essere normale.
Di questa normalità dovremmo avere vergogna.
Questa impressione che tutto era cambiato mi colpì immediatamente.
Allora io dico: fermiamoci, riflettiamo, 
prendiamo coscienza, salviamoci.
Nessun altro può farlo per noi.



4 marzo 2022

Please...



"If we don't end war, 
war will end us."

"Se non poniamo fine alla guerra, 
la guerra porrà fine a noi."

Herbert George Wells

 



3 marzo 2022

Queste parole


Queste parole
non esistono più.
Le ha bagnate
l’acqua del mare.
Le ha bruciate
la fiamma del fuoco.
Le ha portate
con sé il vento.
Le ha corrose
il tempo che passa.
Non esistono più.
Superbia malvagità
miseria potere
guerra odio
dolore paura.
No.
Non esistono più.

🌬


2 marzo 2022

Il mondo in armi


"Ogni colpo che viene esploso, ogni nave da guerra che viene inviata, ogni razzo che viene sparato, significa, in ultima analisi, un furto a coloro che soffrono la fame e non sono nutriti, coloro che hanno freddo e non sono vestiti.
Il mondo in armi non sta spendendo soltanto dei soldi. Sta spendendo il sudore dei suoi lavoratori, il genio dei suoi scienziati, le speranze dei suoi  bambini."

Dwight Eisenhower


1 marzo 2022

Carnevale vecchio e pazzo


 Carnevale vecchio e pazzo
s’è venduto il materasso
per comprare pane e vino
tarallucci e cotechino.
E mangiando a crepapelle
la montagna di frittelle
gli è cresciuto un gran pancione
che somiglia ad un pallone.
Beve, beve e all’improvviso
gli diventa rosso il viso
poi gli scoppia anche la pancia
mentre ancora mangia, mangia...
Così muore Carnevale
e gli fanno il funerale
dalla polvere era nato
ed in polvere è tornato 

🎭  

Questa allegra
e simpatica filastrocca
viene attribuita a 
Gabriele D’Annunzio
ma, per alcuni autori,
non sembra esserci conferma 
di quest’opera in letteratura