1 novembre 2014

Crisantemi


Questo splendido fiore, assume significato 
e rilevanza, secondo le varie culture.
In Italia, poiché la sua fioritura 
avviene nel tardo autunno,
è associato alla commemorazione
dei defunti, con conseguente significato 
di malinconia, tristezza, dolore e lutto.
Per gli indù significa "amore oltre la morte"; 
eternità, immortalità dell’anima, 
nuova vita piena di gioia.
Fiore dei festeggiamenti
  è invece in Oriente:
fiore di gioia, vitalità e pace.
 Così come è molto amato
nei paesi anglosassoni.


Ha le sue origini in Cina, in tempi antichissimi, ma è in Giappone che si diffonde maggiormente e, per la sua forma ed il colore giallo, è simbolo del sole; per questo l'imperatore "Figlio del Sole"
lo erge a fiore imperiale. 
Poiché all'epoca veniva coltivata solo la specie gialla, il suo nome deriva dalle parole greche "chrysos", oro, e "anthemon", fiore: significato che è associato, 
dalla tradizione, alla positività.

Cantato in molte poesie, storie e leggende, appare, frequentemente, in decorazioni su dipinti, stoffe 
e vari oggetti.


Fiori multicolori, bicolori, dal bianco al giallo nelle varie tonalità, al rosato, salmone, rosso, ruggine, bronzo. Dalle tante forme: semplici, doppi, medi, grandi, a margherita, pon pon...
Belli, colorati e semplici da coltivare,
sono davvero incomparabili
in ogni giardino autunnale.