27 luglio 2018

Ascoli Piceno, città medieviale

Scorcio della città 
con il Monte dell'Ascensione
È passeggiando tra le sue vie, 
tra le cosiddette "rue",
o nelle piazze del centro storico, 
che si scoprono le bellezze
architettoniche degli edifici del passato
e la ricchezza delle opere d’arte.
Testimonianze tutte rilevanti 
della storia medievale di Ascoli Piceno.

Piazza del Popolo


Chiesa di San Francesco
Palazzo dei Capitani

Il centro storico non poteva che 
essere rigorosamente in travertino, 
pietra locale molto resistente,
che fin dalle origini
è stato il materiale principale 
nella costruzione degli edifici di ogni genere
(mura, fortezze, ponti, torri, chiese...)
caratterizzandone l'aspetto
e la durata dall’epoca romana
fino ai nostri giorni.

Chiesa di San Vittore
Chiesa di San Vittore

Chiesa dei
S.S. Vincenzo e Anastasio

Santa Maria della Carità
 o Chiesa della Scopa 
Veri gioielli d'arte 
sono le numerose chiese 
in stile romanico, 
di cui molte 
sono state sconsacrate.

Cattedrale
di Sant'Emidio
Cattedrale in
Piazza Arringo
Battistero di San Giovanni
Sant'Emidio vescovo
patrono della città 

Colonnato della Cripta
Molto interessanti 
sono anche 
le vecchie fontane 
e gli antichi chiostri.

Chiostro Maggiore di San Francesco
o Piazza delle erbe
 Ascoli Piceno fu chiamata 
“città turrita” 
e, successivamente, 
“città delle 100 torri”, 
per le tante torri gentilizie,
purtroppo, in parte andate distrutte.

Chiesa di San Francesco

Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Pietro martire
Fu antica capitale dei Piceni,
in seguito conquistata dai Romani.

Forte Malatesta
antica fortezza poi carcere
ora museo dell’Alto Medioevo
e sede di mostre d'arte
 
Ponte di Cecco sul fiume Castellano
è il più antico della città
conduce al forte Malatesta


Dominata a lungo dai barbari, 
dai Franchi, da Federico II 
e da Francesco Sforza.
Venne poi ammessa
al Regno d'Italia.

Una via del centro 

 Oggi vive la realtà 
di una tranquilla città 
di provincia.
I suoi tesori e la sua bellezza
 sono meritevoli
di essere apprezzati.

Veduta posteriore
della cattedrale